martedì 27 gennaio 2015

Il giorno della memoria


26 commenti:

  1. Verissimo: se non si comprende la relazione tra Olocausto e il genocidio Palestinese è davvero grave. :)

    RispondiElimina
  2. Ottima... anche se drammaticamente triste, perchè davvero ormai si fanno le sfide sul "bodycount" ma non è un film d'azione.

    RispondiElimina
  3. ti ricordavo meno buonista e più graffiante

    RispondiElimina
    Risposte
    1. concordo... purtroppo una caduta di qualità non da poco...
      Anche per lui esistono morti di serie A e morti di serie B...

      Elimina
  4. Le ombre sono sbagliate.

    Ah, no, quello è Makkox.

    RispondiElimina
  5. e la corea del nord? lì i campi di concentramento esistono ancora

    RispondiElimina
  6. ..e il giorno in cui la mia ex mi ha mollato?

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. Va bene ma non scadere troppo in discorsi politici, é un buon inizio per il declino del blog

    RispondiElimina
  9. E Rocco che non è potuto sbarcare?

    RispondiElimina
  10. Non mi è piaciuta, ed è la prima volta.
    Anzitutto perché entri nel merito di una questione spinosa tutt'altro che scontata e semplicistica.
    E poi perché quando la satira inizia ad essere tirata per la giacchetta dal politically correct, smette di essere utile.

    RispondiElimina
  11. https://www.youtube.com/watch?v=vOt7dJZo8UU

    RispondiElimina
  12. La questione israelo-palestinese c'entra eccome, proprio perché esiste una giornata dedicata alla memoria di un popolo che è stato massacrato ingiustamente! Quello stesso popolo, dal 1948, anno in cui è stato fondato lo Stato d'Israele all'interno dei confini della Palestina, massacra in nome di falsi ideali, finanziato abbondantemente e rifornito di armi (non pistole da 4 soldi, ma carri armati, missili, aerei, navi, droni) dagli USA e si giustifica a caso con pretese inventate per la stampa estera per mentenere quella facciata vittimista.
    Io odio il giorno della memoria perché è un'ipocrisia mondiale, in cui ci si deve commuovere con film, trasmissioni, incontri che ci ricordano quanto hanno sofferto gli ebrei.
    Come a tutti voi, a me hanno insegnato che conoscere la storia è importante cosicché gli errori del passato non si ripetano nel presente e nel futuro. E' da decenni, da prima che la maggior parte di noi nascesse, che l'errore è perpetrato senza soluzione di continuità.
    Perché dovete farvi prendere da tutto questo sentimentalismo e non vi togliete le fettine dagli occhi per vedere cosa sta facendo ORA quel popolo! Dovrebbero vergognarsi del fatto che il mondo gli dedichi una tale celebrazione. Una volta c'era la Germania, ora c'è Israele.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che è tutto vero, ma questo cosa c'entra con il massacro perpetrato dai nazisti? Visto che una parte dei discendenti degli ebrei sono cattivi allora non va ricordato cosa fecero i nazisti (che per inciso, non massacrarono solo ebrei, ma zingari, slavi, omosessuali e altri ancora)?

      Elimina
    2. Sofia, è come rifiutarsi di vedere i film di Vittorio De Sica perché suo figlio Christian fa i cinepanettoni.

      Elimina
    3. Sofia, è come rifiutarsi di vedere i film di Vittorio De Sica perché suo figlio Christian fa i cinepanettoni.

      Elimina
  13. Credevi forse che i tuoi lettori fossero immuni ma dappertutto c'è chi dice "e le foibe?".

    RispondiElimina
  14. La memoria è soggettiva ed assai poco affidabile (grazie agli dei ne abbiamo infinite conferme) la storia è invece oggettiva e composta di dati certi... per questo esistono gli storici, per far luce laddove la memoria è... imprecisa o ancor peggio di comodo... ;)

    RispondiElimina
  15. Che dire...se l'obiettivo era far ragionare le persone hai, purtroppo, fallito e non per colpa tua.

    RispondiElimina